Ray Ban Small

22/06/2018

Poi è ovvio che in questa specie di riedizione di Romeo e Giulietta, pure con la presenza della regina mito Elisabetta I si centra il cuore della cultura inglese.La storia è interessante, ma non certamente nuova. la rappresentazione del classico amore impossibile (amore romantico tipico) con l’unica differenza che qui un vissuto d’amore realizzato anche sessualmente ci fu davvero. Certamente un ottimo film, ben recitato, ottima sceneggiatura, ma mi sembra “overrated” cioè eccessivamente valutato.

Ancora una volta spunti personali e finanziari sembrano mescolarsi a momenti di natura più politica, tutto dietro le dichiarazioni di rito dell’Ad Cinzia Monteverdi (necessità di raccogliere nuove risorse per sviluppare una strategia diversificata nel multimediale digitale, etc). Anzitutto: nell’ultimo bilancio dell’editoriale di cui l’Ansa ha dato alcuni estremi il 25,6% del capitale è detenuto dalla società stessa sotto forma di azioni proprie. E’ noto che l’azionariato della capogruppo di Marco Travaglio ha registrato nel tempo alcuni abbandoni (come il magistrato torinese Bruno Tinti, fra i fondatori)..

Recent PostsPRESS RELEASE: Viktor Jakovleski’s Visually Stunning Documentary Reveals the Grandeur of Tultepec’s National Pyrotechnic FestivalAmerican Documentary Launches Artist Emergency Fund Aimed at Providing Financial Assistance to Filmmakers Facing Unexpected Personal HardshipPOV Acquires ‘On Her Shoulders’ and ‘The Silence of Others’ for Broadcast in 2019 and BeyondFive POV Films to Celebrate LGBTQ Pride MonthFeatured Event: POV Documentary Nights: ‘Motherland’ with the North Port Public LibraryTom RostonTom Roston is a guest columnist for POV’s documentary blog. He is a former Premiere magazine senior editor, who graduated from Brown University and started his career in journalism at The Nation and then Vanity Fair. Tom’s freelance work has appeared in The New York Times, The Guardian, The Los Angeles Times, The Hollywood Reporter and other publications.

Un gruppo di attori si ritrova in una fabbrica abbandonata per effettuare le prove di uno spettacolo: l’adattamento teatrale de “I fratelli Karamazov” di Fdor Dostoevskij, che andrà in concorso a un festival di teatro alternativo. Le prove hanno inizio: al crescendo emotivo dei personaggi si affiancano questioni come la fede, l’immortalità e la salvezza dell’anima, ma anche e soprattutto il dipanarsi dei rapporti all’interno della troupe stessa, che vanno a riflettere i grandi temi dell’opera di Dostoevskij. Finzione e realtà finiscono col sovrapporsi, e il dramma scivola via dalla carta al mondo reale.

Nessun commento

Lascia un commento